Stiamo effettuando degli aggiornamenti, ci scusiamo per eventuali disagi.

Giornata mondiale delle api 2022

Giornata mondiale delle api 2022
Pubblicato in: Sostenibilità

Il 20 maggio è il World Bee Day, la giornata mondiale delle api. Questa giornata si celebra dal 2017 ed è un'importante occasione per riflettere sull'importanza che questo piccolo insetto e gli altri suoi "amici impollinatori" hanno per il buon funzionamento dell'ecosistema terrestre. Ma perché serve una giornata per ricordare le api? Perché questi insetti sono in pericolo, con tassi di estinzione attualmente da 100 a 1.000 volte più alti del normale a causa dell'impatto delle attività umane.

Perché le api sono importanti

Le api sono fondamentali per l'ecosistema in quanto portano benefici a piante, persone e all'ambiente in generale. Le api e gli insetti impollinatori (come bombi o farfalle) sono attratti dai fiori colorati e profumati e sono proprio loro che prelevano il polline e lo trasportano da un fiore all'altro consentendo così la crescita di frutta e verdura. Per bere un succo di frutta, per mangiare una pasta al pomodoro, per fare colazione con pane e marmellata c'è quindi bisogno delle api, e non dimentichiamo inoltre il buonissimo miele che producono!

Spostandosi da un fiore all’altro le api possono raggiungere ed impollinare più di 170.000 specie vegetali, garantendo così la biodiversità nell’ecosistema e allo stesso tempo una veloce produzione di frutta e verdura (senza di loro la crescita sarebbe molto più lenta). Con il loro lavoro le api impollinano il 75% di tipi di colture alimentari presenti nel nostro pianeta e da loro dipende il 90% dei fiori selvatici utilizzati per le loro proprietà naturali per la realizzazione di integratori alimentari e per la formulazione di cosmetici.

Insomma, le api sono uno degli indicatori della salute ambientale e se l'ambiente sta bene anche noi stiamo bene.

Cosa mette in pericolo le api?

Nonostante la loro importanza, il numero e la varietà degli impollinatori sono diminuiti negli ultimi decenni. Il 35% circa delle specie di impollinatori invertebrati, in particolare api e farfalle, rischia l'estinzione. Secondo gli apicoltori lo spopolamento degli alveari è in atto dal 2003 e solamente negli ultimi 5 anni abbiamo perso il 40% delle colonie. Si stima che le api potrebbero scomparire entro il 2035, un dato veramente preoccupante!

Ma cosa minaccia le api? Non è stata decretata una causa precisa ma il loro declino è dovuto principalmente alle attività umane che gravano sull'ambiente. Alcune di queste sono: l'agricoltura intensiva, le monocolture, il consumo del suolo, l'utilizzo di pesticidi, la frammentazione degli habitat, l'inquinamento e le alte temperature che anticipano le fioriture. 

Il cambiamento climatico e l'inquinamento di cui parliamo spesso nel nostro Eco-Blog, sono fattori dannosi non solo per noi umani ma come abbiamo visto anche per tutte le specie animali. Continuando in questo modo si stima che il 40% delle specie di api e farfalle scompariranno a breve per causa nostra e a quel punto non si potrà più tornare indietro. Ecco perché è importante questa giornata, dobbiamo imparare a preservare il nostro pianeta il più possibile con pratiche che ormai conosciamo bene come per esempio riciclando i rifiuti invece di smaltirli in modo errato (per esempio gettandoli a terra), utilizzando energia da fonti rinnovabili, evitando gli sprechi e rispettando tutte le forme di vita esistenti.

Alcune organizzazioni ambientali come Greenpeace, si stanno già muovendo per difendere le api facendosi sentire anche a livello europeo, hanno infatti organizzato una petizione per chiedere al Governi Italiano e alla Commissione Europea di vietare i pesticidi dannosi per le api e di aumentare i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo di pratiche agricole ecologiche. Puoi prendere anche tu parte alla petizione mettendo la tua firma qui.

Per saperne di più

In occasione della giornata nazionale delle api l'ISPRA (Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente) organizza una tavola rotonda dove 7 ricercatori illustreranno:

  • la complessa organizzazione sociale delle api,
  • i molteplici benefici che procurano all’essere umano attraverso i loro prodotti e le numerose minacce a cui sono sottoposte per mano dell’uomo e della natura.

In sostanza l'evento parlerà di come salvare le api per salvare noi stessi.

L'evento si terrà online il 20 maggio 2022 dalle 10:00 alle 11:00, per maggiori informazioni visita il sito ISPRA.

Se vuoi saperne di più sul mondo delle api questa è sicuramente un'occasione da non perdere.

 

Concludiamo questo articolo mettendo in evidenza una citazione di Albert Einstein mai attuale quanto ora che dice: "Se le api scomparissero dalla Terra, per l’uomo non resterebbero che quattro anni di vita”. Vogliamo veramente arrivare fino a questo punto?

2 anno fa