La Scadenza del Cibo per Animali: consigli pratici per Cani e Gatti

La Scadenza del Cibo per Animali: consigli pratici per Cani e Gatti
Pubblicato in: Sostenibilità

Quando si tratta della salute e del benessere dei nostri amici pelosi, la qualità del cibo che consumano gioca un ruolo fondamentale. Tuttavia, uno degli aspetti spesso trascurati è la scadenza del cibo per animali. Sebbene possa sembrare meno urgente rispetto al cibo umano, capire quando il cibo per animali diventa inadatto al consumo è essenziale per garantire la salute dei nostri amici a quattro zampe e, al contempo, non sprecare inutilmente del cibo buono ritenendolo non adatto.

Quando parliamo di cibo per animali, o pet food, ci sono tantissime categorie di animali da tenere in considerazione dai rettili ai volatili ma, nello specifico, ci riferiamo a cani e gatti che rappresentano i maggiori consumatori di cibo inscatolato in Italia.

Cibo Umido e Cibo Secco: Qual è la Differenza?

 

 cibo umido o secco

Prima di esaminare la questione della scadenza, è importante comprendere la differenza tra il cibo umido e quello secco per animali. Il cibo umido, spesso confezionato in lattine o buste, contiene una maggiore quantità di acqua ed è meno suscettibile alla disidratazione rispetto al cibo secco. Il cibo secco, d'altra parte, è più concentrato e ha una maggiore durata di conservazione.

Data di Scadenza vs. Data di Consumo Preferenziale

Quando si esamina il cibo per animali, è importante distinguere tra la data di scadenza e la data di consumo preferenziale. La data di scadenza indica fino a quando il cibo è considerato sicuro da consumare, mentre la data di consumo preferenziale (TMC) indica il periodo durante il quale il cibo mantiene la sua massima freschezza e qualità. È importante rispettare entrambe queste date per garantire la sicurezza e l'efficacia del cibo per il vostro animale domestico anche se, nel secondo caso, questa data è solo un'indicazione che il produttore fornisce per garantirne la perfetta salubrità. Superarla di qualche giorno non rappresenta un reale pericolo per l’animale ma attenti alla conservazione!

Conservazione Adeguata del pet food

Anche se il cibo per animali potrebbe essere ancora sicuro da consumare dopo la data di scadenza, è essenziale conservarlo correttamente per mantenere la sua freschezza e qualità. Assicuratevi di conservare il cibo in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce solare diretta e da fonti di calore. Chiudete bene il contenitore dopo ogni utilizzo e, se necessario, trasferite il cibo in un contenitore ermetico per prolungarne la durata.

Segni di Deterioramento

Anche se il cibo per animali potrebbe sembrare sicuro dopo la data di scadenza, è importante prestare attenzione a eventuali segni di deterioramento. Se notate cambiamenti nel colore, nell'odore o nella consistenza del cibo, è meglio evitare di somministrarlo al vostro animale domestico. Inoltre, se il cibo sviluppa muffa o presenta segni evidenti di degradazione, è importante scartarlo immediatamente.

Non sprecare il cibo ancora buono

La scadenza del cibo per animali è un argomento importante da tenere a mente per garantire la salute e il benessere dei nostri amici pelosi. Conoscere la differenza tra la data di scadenza e quella di consumo preferenziale, conservare correttamente il cibo e prestare attenzione ai segni di deterioramento sono tutti passi fondamentali per assicurare che il vostro animale domestico riceva il miglior nutrimento possibile.

Ricordate sempre di consultare il vostro veterinario se avete domande o preoccupazioni sulla dieta del vostro animale domestico.

Econviene.it ti da la possibilità di acquistare prodotti per animali ed in particolare cibo umido e secco per cani e gatti a breve scadenza. Tutti i prodotti pet food presenti su econviene.it sono conservati correttamente ed hanno una vita residua di qualche mese ma uno sconto sul prezzo al pubblico minimo del 50%. Fai felice i tuoi amici a 4 zampi e risparmia.

Tutti i prodotti zero spreco per animali li trovi qui: Prodotti e Cibo per Cane e Gatto scontati del 50% | Econviene.it

2 mesi fa